Guida al linguaggio HTML - Cenni storici


image

Come diversi mi hanno chiesto (e in particolare Andrea si è dimostrato entusiasta dell'idea) comincio a pubblicare una serie di articoli sul linguaggio HTML. Non è mia intenzione fare una guida completa su questo linguaggio, ma cercare di dare col tempo le conoscenze di base e gli strumenti necessari che permettano, soprattutto agli autori di blog, di mettere mano a del codice HTML riuscendo a capire cosa stanno facendo.

Ovviamente nel corso di questi articoli sono sempre disponibile per maggiori chiarimenti e se necessario ritornerò su argomenti già trattati per approfondirli.

Prima di entrare troppo nel tecnico, voglio spendere qualche parola sulle origini di quella che è una delle più grandi invenzioni dell'umanità e che è stata ricercata da secoli: l'ipertesto.

HTML sta infatti per Hyper Text Mark-Up Language, cioè linguaggio a marcatori di ipertesto, e per ipertesto si intende genericamente una sistema che permetta di passare velocemente da un testo all'altro, come appunto permette di fare una pagina HTML.

image

Possiamo dire che tra i primi a ricercare uno strumento che permettesse di realizzare un ipertesto fu Agostino Ramelli, che nel 1588 pubblicò un libro dove spiegava la sua invenzione: la ruota dei libri, un macchinario che avrebbe permesso di passare velocemente da un libro ad un altro. Sebbene come vediamo nell'immagine a destra il risultato era più buffo che altro, capiamo già come il problema abbia origini storiche più antiche dell'avvento del web stesso o dell'informatica in generale.

In epoca più recente, Vannevar Bush nel 1945 scrisse un articolo intitolato As we may think ("come potremmo pensare"), nel quale descrive il Memex, un sistema di informazioni interconnesse mai realizzato ma che fu fonte di ispirazione per molti, tra cui Theodor Holm Nelson, che nel 1963 coniò il termine ipertesto. Nelson creò il progetto Xanadu: un sistema elettronico che immagazzinasse informazioni e che le rendesse disponibili a tutti quelli che volessero consultarle. Il sistema avrebbe dovuto essere ospitato in un satellite in rotazione intorno alla terra in maniera tale che fosse accessibile dovunque. Xanadu era il nome di una dimensione immaginaria da dove derivava (e in cui fosse conservata) tutta la conoscenza umana, secondo alcune civiltà pre-colombiane.

imageCon l'avvento dell'informatica si resero finalmente disponibili strumenti più adatti allo scopo, e solo nel 1990 Tim Berners Lee (allora ricercatore al CERN, il Centro Europeo per la Ricerca Nucleare) creò il Word Wide Web ("rete grande quanto il mondo"), il linguaggio HTML e il primo browser, il WorldWideWeb (come la rete in cui avrebbe permesso di navigare). Tim Berners Lee (foto a sinistra) è l'uomo che ha inventato Internet così come la conosciamo oggi, e nel 1994 ha fondato il Word Wide Web Consortium (W3C), che da allora arricchisce e definisce le specifiche del linguaggio HTML, attualmente alla versione 4.01.

La versione 4.01 dovrebbe anche essere l'ultima del linguaggio HTML, visto che col tempo verrà sostituito dal linguaggio XHTML, che sostanzialmente non è altro che un HTML più ricco e pulito.

Nella prima metà degli anni 90 nacquero anche i primi browser così come li conosciamo oggi, tra cui Internet Explorer e Netscape. Vista la lentezza con cui veniva sviluppato il linguaggio HTML e la necessità sempre maggiore di arricchire le pagine web con elementi che non fossero solo testo o semplici immagini, i vari browser cominciarono a creare proprie versione di HTML, arricchendole di nuovi identificatori che permettessero soprattutto di modificare l'aspetto grafico delle pagine web.

In quegli anni (anni in cui anch'io cominciai a navigare in rete) capitava molto spesso di entrare in un sito e non riuscire a visualizzarlo bene perchè era ottimizzato per un altro browser. Nel 1996 allora il W3C pubblicò le specifiche del Cascading Style Sheets (CSS), cioè delle specifiche che permettessero di modificare la formattazione di una pagina web e di definirne lo stile. I CSS rappresentano tutt'ora lo standard per definire l'aspetto di una pagina web, anche Blogger ne fa uso e in diversi articoli in cui parlo di come modificare il template del nostro blog (ad esempio come cambiare lo sfondo del template o di un post) fanno riferimento proprio allo stile CSS della pagina. Le specifiche CSS di solito stanno su un file a parte con estensione .css, ma possono stare anche dentro la pagina web, come nel caso di Blogger.

E con questa introduzione "storica" finisco questo primo articolo. Ho voluto farla per far capire un concetto che spesso passa in secondo piano: l'HTML è una grande rivoluzione, non è un semplice gadget informatico. L'HTML ha realizzato il sogno dei ricercatori degli ultimi secoli: condividere la conoscenza e permettere a chiunque di consultarla facilmente e velocemente. Nel prossimo articolo comincieremo già a scrivere del codice HTML. Vi consiglio, se non lo avete già fatto, di leggere il mio articolo su due validissimi strumenti che utilizzerò spesso negli esempi che farò in futuro.

Le immagini sono state prelevate da en.wikipedia.org e it.wikipedia.org.

 

 

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Per ricevere direttamente in posta i nuovi articoli, inserisci il tuo indirizzo email:
oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

2 commenti:

Il MIGLIA ha detto...

Non mi perderò una lezione. Grazie davvero. Tra l'altro, sei davvero chiarissimo. Bravo!

Babaccio ha detto...

ciao, posso solo dirti che "chi ben comincia è a metà dell'opera".


Prima di lasciare un commento, leggete qui

Posta un commento