AdSense e la pubblicità basata sugli interessi: interessante per chi ci guadagna, ma la privacy?


image Un mio collega che si occupa di Privacy (intesa come obblighi normativi per le aziende) ha detto una volta: “La privacy… a casa tua!” (per chi ancora non sa che lavoro faccio – visto che mi viene continuamente chiesto - ribadisco che faccio il programmatore nel settore fiscale… no, non chiedetemi consigli sul 730 o gli studi di settore, per favore!). Questa è stata una frase buttata lì per caso ma mi piace citarlo spesso perchè non c’è niente di più vero.

A chi utilizza AdSense per monetizzare il proprio sito sarà arrivata, come me, una mail in cui Google annuncia la nuova pubblicità basata sugli interessi. Un nuovo strumento per cercare di alzare i guadagni (in questo periodo di vacche magre, Google ci prova in tutti i modi), ma che in un certo senso intacca la già poca privacy che un utente gode in rete.

Pubblicità basata sugli interessi

Il meccanismo di base è semplice: a Imma piace il caffè? Bene, Google prenderà nota di questa cosa e quando Imma visiterà un sito in cui si trovano annunci AdSense, Google cercherà di infilarci (spero nei limiti del contesto) pubblicità sul caffè. Così Imma sarà più invogliata a cliccare, magari comprando il prodotto (una fornitura di caffè per le prossime venti generazioni): Google ci guadagna di più e il webmaster del sito di conseguenza.

Raccogliere quindi informazioni sugli interessi degli utenti, basandosi sui siti visitati, per proporre pubblicità più mirati ai loro interessi.

Come funziona praticamente

Navigando in rete, visualizzando o cliccando su un annuncio AdSense, verrà scaricato nel vostro computer un Cookie. Il cookie (biscottino) è un file che i siti utilizzano per memorizzare varie informazioni di servizio nelle macchine degli utenti, informazioni che non minacciano i vostri dati personali. Ad esempio, potete votare i prossimi post solo una volta perchè un cookie nel vostro computer dice se lo avete già fatto in passato. Allo stesso modo, Google non intende raccogliere dati sensibili, quindi non saprà effettivamente che è Imma a visitare ossessivamente siti sul caffè, saprà genericamente che quel computer entra spesso in siti che parlano di caffè.

Niente paura quindi, nessuno busserà alla vostra porta, i dati raccolti sono sempre nel massimo rispetto della privacy.

Disattivare la pubblicità basata sugli interessi

Il meccanismo della pubblicità basata sugli interessi è attivato in automatico, ma i publisher (noi) hanno la possibilità di disattivare la raccolta di dati dal proprio blog, basta entrare nel proprio account, andare in Account personale –> Impostazioni Account, cercare la voce “Preferenze annunci basati sugli interessi” e cliccare su “Modifica”:

image

Da qui potrete decidere se impedire o meno la raccolta dati dal vostro sito sugli interessi degli utenti. Se comunque l’utente ha installato il cookie, verranno visualizzati annunci sui dati precedentemente raccolti.

Come si possono tutelare gli utenti

Agli utenti è data la possibilità di tirarsi fuori dal meccanismo semplicemente andando qui e cliccando sul pulsante Opt out. Non vi verrà installato il cookie e non verranno raccolti dati sui vostri interessi.

Cosa penso di fare io?

In linea di massima, il principio degli annunci basati sugli interessi degli utenti può rivelarsi un grande punto di forza per chi pubblica annunci nel proprio sito. E badate bene una cosa: Google è stata molto onesta nell’ammettere di avere questa intenzione (e figurarsi se poteva farlo di nascosto): ci sono molti altri servizi che lo fanno senza dire niente (e i loro cookie in genere vengono tolti dai vari anti-virus-spyware-ecc.). Quello che mi piace poco è l’inevitabilità.

E eticamente non mi piace che un utente magari contento di aver trovato il mio blog, mi lascia un “grazie il tuo blog è fantastico!” e nel frattempo si è beccato un cookie che da quel momento registrerà i suoi interessi. Mi immagino lì, grottescamente trasformato, a pensare: “grazie, grazie, tanto chi ne trae più vantaggi sono io col mio guadagno!”. Ripeto, nessuno toccherà i suoi dati personali, la sua privacy è tutelata, ma l’idea non mi piace lo stesso.

Forse questa stessa etica mi impedirà di arricchirmi col blog, e forse qualcuno sorriderà pensando alla mia ingenuità, ma personalmente disattiverò gli annunci basati sugli interessi. E mi tirerò io stesso fuori dalla raccolta dati.

Credo fermamente in un rapporto sincero con i miei “amici di Internet”.

Maggiori approfondimenti in futuro, se ci saranno novità rilevanti.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Per ricevere direttamente in posta i nuovi articoli, inserisci il tuo indirizzo email:
oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

19 commenti:

AUTOdiMERDA ha detto...

Grande Orazio... io ad esempio manco li tengo gli annunci :)
Cmq quando visito il tuo blog tene avvisa Google che mi piacciono le auto di merda...vedi che ti da come ads?! :)
Sei una brava persona a parte gli scherzi e mi piace seguirti.

amrita ha detto...

ihih,l'imbranata ne ha 2,piazzati lì,nella colonnina di destra.dio solo sa come ce so arrivati....comunque,se non eraper l'evelin,col piffero che sistemavo il blog...sai quell'odiosa ripetizione dello sfondo?svelato l'arcano.un html,ci ho messo il codice,e...magia!
MA ME LO POTEVATE SPIEGARE CHE EA TUTTO Lì????????

valeria ha detto...

Sinceramente sono tentata anche io a non acconsentire all'adsense con gli annunci, Infatti quando ho icevuto la email sono andata sull'hewlp e ho cercaot subito se potevo farlo e ho letto che sì posso farlo ma poi google aggiunge "però poi guadagnerai di meno" e questo mi sa tanto di costrizione come dire "se non lo fai ti punisco".
Per quanto mi riguarda ho grossi dubbi sugli adsense a interessi per molti motivi
ok a imma piace molto il caffé però quel giorno sta cercando info su quel reality la Fattoria che segue, arriva su un blog che ne parla ma ovviamente se uno è interessato legge un po' qui un po' lì. Adsense contestuale attualmente cosa fa? sul blog dove è atterrata le visualizza un bel annuncio "fattoria 2009" e lei è portata a cliccarci. Se invece trova il caffè, che vabbe' le piace tanto ma in quel momento il suo interesse maggiore è la fattoria prende e se ne va, senza cliccare. Anzi magari, imma che non sa di questa modifica di google, dopo pensa pure che il blog sia schizofrenico.
Seconda cosa: se imma vede sempre pubblicità sul caffè quanto ci mette a diventare cieca a quegli annunci?
Secondo me adsense ha dimenticato che gli interessi cambiano e il fatto che ieri imma abbia visitato 15 siti sul caffè e 5 su la fattoria non vuol dire che domani la cosa non cambi. Quindi se gli interessi vengono continuamente aggiornati con un breve intervallo di tempo ci può anche stare, ma nella schiera di adsense da mostrare fossi google ci infilerei comunque anche qualche annuncino relativo all'argomento della pagina che imma sta leggendo.
Per la privacy se tutto si riduce ad un cookie in teoria esistono da anni e comunque si può sempre settare il proprio browser per non accettarli, ma penalizzare quei publisher che preferiscono mantenere la linea ads contestuale mi sembra una costrizione non meritata

GAETANO FRASCA ha detto...

CIAO NON C'E NTRA CON L' ARGOMENTO TI VOLEVO DIRE CHE IO TI HO AGGIUNTO AL MIO BLOG ILTUO LOGO COME FACCIO A MANDARTI IL MIO LOGO la mia email frascag@hotmail.it

Tenebrae ha detto...

@autodimerda: ahahah, sarei davvero curioso!

@amrita: calma, ricordati che sei tra amici... qui nessuno ti vuole male... stai calma... respira...

sono contento che tu abbia risolto

@valeria: considerazioni interessanti, ma penso che google le avrà tenute in considerazioni (spero!)

sai cosa, sarà interessante quando la cosa si sarà diffusa vedere se si riesce a capire se ci sono miglioramenti davvero tangibili o meno

Tenebrae ha detto...

@gaetano: su quale blog mi hai linkato? il banner lo puoi realizzare come spiego qui, ma io ricambio solo col link al blog non coi banner...

Iole ha detto...

Ciao Tenebrae,
io personalmente trovo poco etico mettere gli annunci pubblicitari nel blog. Infatti nel mio blog non ci sono e non ci saranno mai, anche se molti dei miei lettori e amici mi sta consigliando di farlo.
Però posso anche capire se uno come te che dedica molto tempo al blog scrivendo post utili e soprattutto con tanta pazienza aiuta gli altri metta gli ads per guadanarci qualcosa... Ma quelli che scrivono cavolate o semplicemente copiano post di altri, non lo accetto.

Sail Away ha detto...

Ti chiedo scusa in anticipo per usare questo spazio ma ho un problema con Windows Live Writer ed il mio blog (blogspot). Quando vado a pubblicare un post (ne ho già pubblicati un bel po prima di questo problema) mi appare quanto segue:

Il server ha rilevato un errore nel seguente URL:

http://www.blogger.com/feeds/2641095621053942/posts/default

400 Bad Request

Cosa posso fare? Ho cercato su internet per risolvere il problema 400 Bad Request (a quanto sembra è una chiave di registro mancante) ma non accade nulla, il problema persiste... Sembra un errore dei feed ma io non ho ancora effettuato una registrazione ai feed... Spero di avere una tua risposta. Grazie

Vinnie ha detto...

Come idea, quella degli annunci mirati non è male. Ovvio che questo cookie non è di certo simpatico, però tutti sanno che non è malevolo (sicuramente non lo è quello di Google). Se questo sistema aiuta a una navigazione personalizzata secondo i propri gusti, non ci vedo niente di male..sperando ovviamente che porti a qualcosa di buono e non a discapito di utenti e autore del blog.

GAETANO FRASCA ha detto...

CIAO HO AGGIUNTO IL TUO BANNER NEL MIO BLOG GOOLWEB http://goolweb.blogspot.com/ , SE POTRESTI AGGIUNGERMI NEI BLOG CHE MI LINKANO MI FARESTI UN FAVORE,CIAO GRAZIE ANTICIPATAMENTE.

Claudia ha detto...

Grazie per questa tua spiegazione, difatti a me è arrivata l'e-mail lo scorso week-end e la cosa mi lasciava perplessa, il motovo principale per il quale ho aperto il mio blog è tutt'altro che economico.. adsense è solo una cosa in più, ma è di più il rispetto che ho per i miei visitatori .-))))). Grazie aver spiegato come disattivarlo... era quello che cercavo :-). Buona giornata

cinzietta ha detto...

Tenbrae HEEEELPPP! non ci azzecca nulla con il commento ma non so proprio cosa fare.
Per un mero errore ho rifiutato i commenti ad un post.
c'è modo di recuperarli?

ASD MONTEIASI ha detto...

Salve orazio,senta vorrei sapere com'è possibile inserire gli angoli nello sfondo dei post e delle sidebar...ti ringrazio

Nicola ha detto...

Grande Tenebrae, complimenti per questo articolo!

Federico ٩๏̯͡๏)۶ ha detto...

Bè, ma Google è sempre stata poco etica ;)
Guardo ormai con diffidenza tutto ciò che porta la grande G....così come Chrome o il progetto Android (che seppure open source, ha secondo me un inghippo da qualche parte)

Tenebrae ha detto...

@cinzietta: penso proprio di no... forse contattando il gruppo di assistenza di google, ma dubito che per una cosa del genere diano retta :(

@asd monteiasi: esiste una sezione apposta per proporre un argomento ;)

Tenebrae ha detto...

@iole: io diciamo che trovo poco corretto un post spezzato da mille annunci, come spesso si trova in giro... per leggere uno deve fare lo slalom con gli occhi!

@sail away: oggi lo ha dato anche a me, ma poi è passato da solo, e l'ho imputato alla rete lenta... a te continua?

@vinnie: concordo e l'ho detto anche nel post, sono un ottimo strumento per aumentare il guadagno di adsense, su questo non ci piove. ma ho anche il mio punto di vista personale che ho esposto nel post.

asd monteiasi ha detto...

Scusami ancora orazio,senta vorrei sapere com'è possibile inserire gli angoli nello sfondo dei post e delle sidebar...ti ringrazio

Vinnie ha detto...

Concordo anche io con la tua opinione. Mi auguro sia una cosa costruttiva per tutti non solo per gli autori del blog. Da valutare per qualche tempo. Fra l' altro non ho ricevuto ancora email in merito.


Prima di lasciare un commento, leggete qui

Posta un commento