Cosa fare quando il nostro blog viene dimenticato da Google


image In molti mi avete segnalato come spesso le pagine del vostro blog, nei risultati di ricerca di Google, appaiano dopo centinaia di altri, non compaiono affatto, o vengono superati in classifica dai servizi di social news a cui avete sottoposto i vostri articoli, mentre magari in un primo momento erano lì tra le prime posizioni nelle ricerche.

In genere si pensa subito a qualche forma di censura o di penalizzazione nei confronti del proprio blog, ma in realtà molto raramente succede e solo nei casi più estremi. A me è realmente capitato che un mio blog fosse escluso da Google dai risultati, e così è rimasto per circa un anno, ma come ho detto sono casi estremamente rari (nel mio caso era forse colpa di troppa informazione alternativa, Beppe Grillo non era ancora arrivato e non aveva lanciato la moda).

Ma a volte basta fare attenzione e ricorrere a piccoli accorgimenti per risolvere o migliorare la situazione.

Prima però, voglio lanciare quella che potrebbe sembrare una provocazione, ma che in realtà è una riflessione: perchè dovreste essere tra le prime pagine di Google? Google è un servizio che permette ai navigatori di recuperare facilmente le informazioni: c'è qualche motivo per cui i visitatori dovrebbero finire nel vostro blog per trovarla?

Se si, continuate la lettura, altrimenti continuatela lo stesso, fatemi contento, così capirete anche il perchè di questa considerazione.

Da quanto tempo esiste il blog?

Nei primi mesi di esistenza del blog, si assiste a una sorta di assestamento da parte di Google: il blog prima appare, poi scompare, poi alcuni post appaiono, poi scompaiono. Mi ricordo quando creai Creare blog: dopo tre settimane finalmente Google si decise a far apparire una pagina. Dopo due giorni era scomparsa. Dopo una settimana (la quarta) tutti i post erano presenti nelle ricerche. Questo ballo però si può protrarre per più tempo, quindi se vedete qualcosa che non va, magari è perchè il blog è troppo "giovane".

Inoltre, l'età di un blog appare a molti servizi della rete come una sorta di credenziale, e Google in questo non fa eccezzione.

Che età hanno i post?

Stesso ragionamento fatto per il blog intero può essere fatto per un singolo post. E' molto facile salire improvvisamente nelle prime pagine di Google per un articolo appena scritto, perchè Google ama i contenuti freschi. Ma se il post non è considerato di qualità (cioè non fa poi una grande informazione del tema che tratta) è altrettanto facile che Google presto lo sostituisca in classifica con altri più recenti e più validi.

Viceversa, anche i post di qualità ma troppo vecchi, lasciano il posto a quelli più recenti. Nel 1994 Internet in Italia già c'era (e c'ero pure io in rete), ma sfido chiunque a trovare una pagina che risalga a quell'epoca facendo una ricerca generica. Anche in scala più piccola (un anno) può succedere lo stesso. Alcuni post di Creare blog hanno dominato le ricerche per poi scomparire nell'oblio. Amen, non è neanche detto che dopo mesi siano ancora validi. Prima bastava cercare "cambiare sfondo" per trovare questo come primo risultato, adesso si trova al primo posto solo scrivendo "cambiare sfondo su blogger".

Può anche capitare che sia stato un post in particolare ad aver attirato i visitatori in passato, ma adesso comincia a essere sostituito da altri più recenti (e magari migliori) e questo si riflette anche nelle vostre visite. Controllate le chiavi di ricerca usate e le pagine più lette con i vari strumenti di statistiche del blog.

Che qualità hanno i nostri post?

Gli articoli che scrivete interessano davvero a tante persone? E i vostri post fanno davvero informazione sull'argomento? Siete seguiti e linkati da tanti blogger? Perchè questo da valore a quello che scrivete per Google. Se parlando della famosa ricetta del pesto alla genovese, fate il canonico post intitolato "Oggi ho mangiato la pasta col pesto alla genovese!" con un semplice foto nel corpo, magari per qualche strano caso potreste finire nella prima pagina di Google, ma sicuramente non ci resterete per molto, neanche cercando il titolo esatto, perchè quelle parole Google comincia ad associarle a post più interessanti del vostro.

I social news vi rubano lettori?

Molti mi hanno segnalato come cercando i titoli dei propri post trovino prima i risultati dei siti di social news piuttosto che i propri articoli. Questo problema si riallaccia al discorso precedente: un sito di social news ha spesso più notorietà di un blog, ecco perchè i suoi risultati sono prima dei nostri, a meno che il "nostro valore" non possa proporzionalmente competere con lo stesso social news.

A me devo dire che non è mai successo, ma anche perchè ricorro ad alcuni piccoli stratagemmi:

  • non segnalo su un social news un post che non è di interesse generale per il "popolo di Internet". Ad esempio, le varie modifiche ai template di Blogger raramente le segnalo
  • non segnalo subito una notizia, ma aspetto anche qualche giorno, così Google registrerà prima i miei post e magari risulteranno duplicati quelli dei social news
  • dove viene richiesto di inserire un'introduzione del post, evito di fare copia e incolla, ma riassumo il contenuto dell'articolo
  • a volte cambio il titolo: una cosa è scegliere le parole giuste per essere trovato da Google, una cosa è attirare l'attenzione di qualcuno che scorre velocemente i titoli per trovare qualcosa di interessante

Se anche ricorrendo a questi trucchi avrete comunque problemi coi social news, allora evitate di usarli per un po', per capire come andranno le cose. Bisogna dire comunque che in genere è vero che i social news possono essere trovati prima, ma nella maggior parte dei casi questi portano al vostro blog.

Contenuti offensivi?

A volte chi mi scrive ipotizza sia dovuto al contenuto del proprio blog, magari per qualche frase infelice o perchè ha ammesso di avere un santino del duce sotto il cuscino. Posso assicurarvi che il motore di ricerca di Google non si pone problemi morali (discorso diverso per AdSense o servizi simili). Su Blogger (proprietà della grande G) è persino possibile (a differenza di MSN Live! o altri) avere un blog per adulti con contenuti erotici (purchè sia dichiarato nel profilo del blog e che non contenga materiale contrario alla legge: pedofilia, snuff, ecc...).

Ricordo una volta di un blogger che in un momento di rabbia aveva scritto un post pieno di parolacce, per poi stupirsi di come quel post sia stato letto da centinaia di lettori arrivati proprio da Google (e che magari cercavano qualcosa di più hard). Peccato che non trovo più il link all'articolo.

Questo esempio per invitarvi a non pensare subito alla congiura perchè in un commento vi è scappato "perbaccolina!".

Siete linkati?

I vostri post sono linkati? Facendo una veloce ricerca, si vede come Creare blog abbia più link ai post che al blog vero e proprio (grazie!). Questo garantisce che Google presta molta attenzione ai vostri articoli, perchè se sono linkati significa che sono di grande utilità per il mondo della rete.

Ovviamente un post è linkato quando offre informazione utile a cui poter rimandare, come nel caso della somma Wikipedia che io stesso ho linkato spesso, così come nel mio piccolo in casi come questo (grazie Elena!). Quindi applicatevi sui contenuti, anche se so bene quanto tempo possa richiedere.

In mancanza di link esterni, se il vostro blog ha un pagerank anche minimo, potete sempre cominciare a linkare voi stessi i vostri articoli, nei vari post come nella pagina principale del blog. Per esempio, cercando "blog che mi linkano" ho trovato questo mio post al primo posto (nel momento in cui scrivo).

Blog troppo pesanti

Come mi è già capitato di dire, Google (soprattutto AdSense) ama le pagine web veloci da aprire. Principalmente perchè le amano i lettori. Metti la musica oggi, metti la slide con tutte le foto di tua madre, tua zia, tua nonna, metti il video di quando ubriaco ballavi il tango sul tavolo alle tue nozze (oddio, mi sono fatto scoprire!) e va a finire che per aprire il blog ci vogliono diversi minuti. Senza contare che a volte alcuni servizi vanno in meditazione e appare eternamente "Caricamento in corso...". Odio quando succede. Va bene mettere contenuti, ma senza esagerare: rimpiccioliamo le immagini, il video mettiamolo su Youtube e magari per la musica scegliamo mp3 leggeri.

Il blog ne guadagna di usabilità e non penalizza i navigatori che magari sono con la chiavetta a misurare i kilobyte consumanti.

Troppi link, o troppi link corrotti

Una pagina con troppi link (a fronte della sua "reputazione") viene interpretata da Google come tentativo di spam, così come una pagina con molti link corrotti viene ritenuta inaffidabile. Ovviamente nel primo caso parlo di un numero davvero esagerato di link, magari un centinaio, e magari verso siti che non hanno un grande valore per Google. Nel secondo caso, invece, la cosa è più drastica e bastano pochi link corrotti per essere penalizzati da Google.

Densità delle parole

Va bene utilizzare le parole giuste, ma senza esagerare: "Il nuovo cellulare Samsung è un bellissimo cellulare ed è il Samsung più Samsung che si sia mai visto... cellularoso al massimo!". Google crede che vogliate fregarlo e vi penalizza. Anche in questi casi parliamo di casi estremi (tipo una parola su cinque è sempre la stessa). Anche troppi post con titoli troppo simili sono penalizzanti, perchè Google tende a inglobarli in un unico ceppo e quindi magari quando uno viene penalizzato (perchè magari troppo vecchio) ne risentono anche gli altri. In un blog ci vuole varietà.

Esistono per questo motivo anche diversi strumenti per misurare la densità delle parole in un sito, magari ne parlerò in futuro.

Fate conoscere il vostro blog ai motori di ricerca

E' sempre importante registrarsi ai motori di ricerca e segnalare la propria sitemap. Se non lo avete fatto in passato, è il caso di farlo adesso. Anche se in realtà un blog su Blogger viene automaticamente registrato su Google, è sempre bene inoltrare la sitemap anche per controllare che non ci siano problemi di indicizzazione.

Per concludere

I trucchi e le considerazioni fatte valgono sempre, ma non aspettatevi cambiamenti immediati, ci vuole tempo perchè Google si accorga del "cambio di rotta" fatto da voi e reagisca di conseguenza, in genere qualche settimana.

E' importante però non pensare subito alla congiura: migliorate la qualità dei vostri post, e i risultati arriveranno di conseguenza!

L'immagine utilizzata è stata prelevata da I Hate Google.org.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Per ricevere direttamente in posta i nuovi articoli, inserisci il tuo indirizzo email:
oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

22 commenti:

PuntodivistaCeliaco ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Manu ha detto...

Tutto molto vero Tenebrae.
Sai una mia grandissima soddisfazione? Alla chiave di ricerca "yes we can" (si, hai letto bene, yes we can) il mio post, che tra l'altro scrissi di fretta una sera risulta da molti mesi in prima o seconda posizione e mi ha portato oltre 2300 visite solo da Google.
Ok, adesso la finisco con gli autocompiacimenti... ciao Tenebrae!

Mi chiamo Forrest... ha detto...

Ciao Tenebrae.
per cominciare grazie per il post su gentile richiesta ;-).
Però... Se digito l'indirizzo della mia pagina web su google, cmq sia non me lo trova e nessuno dei problemi che elenchi nel post mi riguarda...
Secondo me ho fatto qualche casino nel template quando ho provato a togliere il nome del blog dal titolo dei post...
:-(

A presto

Tilly ha detto...

Salve,scrivo questo post per avere se possibile qualche informazione sul discorso della sicurezza.. ho un blog (dove ti segnalo che ho linkato il tuo) che tratta di lavori manuali.
Una lettrice mi ha scritto che il suo pc, all'apertura dei vecchi post, ha segnalato un virus. Da una rapida ricerca ho scoperto che le scritte htlm possono essere possibile veicolo di infezione (e quindi le ho eliminate tutte), però la persona non ha saputo dirmi nè il nome del virus nè se era effettivamente sicura della effettiva provenivenza del virus.
Per dirla in breve mi ha allarmato ma non sapeva un cavolo!!!
Non mi sono giunte altre segnalazioni nè io stessa ho avuto problemi.
Avresti qualche suggerimento in materia?
Il mio blog è visitato da "quattro gatti" (e a me la cosa va pure bene) però non vorrei assolutamente nuocere a quei pochi..
Se potessi darmi qualche consiglio lo apprezzerei molto.
Saluti
Tilly

Anonimo ha detto...

...ho un blog che ho creato da poco, vi è un solo post ke ha molti link. Ho inserito un motore di ricerca personalizzato, e non mi trova i post inseriti e google, in ricerca vanzata per dominio, fa lo stesso. Quindi potrebbe essere a causa dei link ???

Damix

Tenebrae ha detto...

@tilly: è vero, spesso inserendo widget nelle pagine del nostro blog rischiamo di agganciare dei particolari virus che possono creare problemi a chi ci visita

in generale, coi browser moderni e un buon antivirus, il problema non sussiste... si presenta quando magari chi utilizza sistemi o browser vecchi

la cosa migliore da fare è fare modifiche solo se suggerite da persone affidabili o e se i servizi sono a loro volta affidabili... non inserire cose solo perchè sembrano carine senza farsi un'idea di chi offre il servizio

@damix: se è creato da poco, bisogna aspettare un po' prima che google si accorga della sua esistenza

Tenebrae ha detto...

@forrest: scusami, forse te lo già chiesto ma non ricordo... hai già registrato il blog ai motori di ricerca e inviato la sitemap a google?

inoltre, ti consiglio di usare titoli più articolati per i tuoi post, magari evitare di usare una o due parole, ma qualcosa di più completo

Tenebrae ha detto...

@forrest: comunque è vero, per trovarti su google ci vuole uno sforzo particolare... io comunque toglierei il nome del blog dai post,... e userei titoli più completi

Davide ha detto...

Comparirà mai su google ?!?!?!?!?!?
http://fontelive.blogspot.com/

Tenebrae ha detto...

@davide: eh, l'hai appena creato, abbi pazienza... ma essendo linkato, è possibile che si acceleri il processo di indicizzazione

Mi chiamo Forrest... ha detto...

Certo che ho registrato il blog ai motori di ricerca ed ho anche inviato la sitemap a google.
Per quanto riguarda i titoli erano così anche qualche settimana fa ed avevo quasi 300 unici al giorno, che bei momenti :-(.
Ho provato a togliere il nome del blog dai post come suggerito nel tuo articolo, ma non funzionava...Illacrimo è na chiavica!
Una cosa ti devo dire, la scansione diagnostica degli strumenti webmaster di Google mi rileva 59 url limitati da robots.txt... ARABO PER ME! ;-)

a presto e grazie.

Mi chiamo Forrest... ha detto...

Altra ipotesi... Sempre da strumenti webmaster di google ho visto che alcune mie pagine hanno più di 350 link esterni a causa di "Liquida" che mi linka anche i peli del sedere... Ops...
Potrebbe dipendere da questo?

Riciao.

Tilly ha detto...

Grazie per la risposta e per la visita!!
Saluti
Tilly

Luca ha detto...

Questo post è stato davvero illuminante, ora devo rimediare a qualche erroruccio commesso in passato, soprattutto per quanto riguarda gli aggregatori: grazie:)

Mi chiamo Forrest... ha detto...

Ti ho inviato una mail con l'immagine (piuma).
Non preoccuparti per il premio Dardos, con tutte le cose che avrai da fare sei più che giustificato.

Ciao.

Mi chiamo Forrest... ha detto...

http://www.blogupp.com/italian?gclid=CPXn2uXIqZcCFQ9PtAodxzVBig


mi dici cosa ne pensi di questo servizio?

Ciao

Mi chiamo Forrest... ha detto...

Tenebrae, mi hai abbandonato al mio destino infausto? ;-)
Il mio blog sta lentamente andando alla deriva ed io non so più cosa fare per farlo trovare dai motori di ricerca.
Ho addirittura fatto un post con la parola "sesso", cosa che ha decuplicato gli accessi, ma la cosa ha funzionato per un paio di giorni...
Sii gentile, dammi una mano...

A presto

Forrest

Memi The Rainbow ha detto...

Grazie mille per tutti i tupi post: devo dire che grazie al tuo blog sono riuscita a capire come funziona un blog e a farne uno tutto mio! eccolo qua: MemiTheRainbow.blogspot.com
Ho un grossissimo problema però: se scrivo su google il nome del mio blog, mi dice che non ci sono risultati, eppure non è un nome molto comune... cosa devo fare? ho seguito tutti i tuoi suggerimenti (tranne gli adsense), ma cercandomi su google non solo non compaio, ma non google mi dice proprio che non ci sono risultati: provare per credere: MemiTheRainbow non da niente... hai qualche consiglio? te ne sarei molto grata, ancora grazie infinite
Memi

Alexxandro ha detto...

Cosa vuol dire ,quando effettui una ricerca di una parola chiave,ma Google fa riferimento sempre alla pagina principale e non al post??
sul motore di ricerca per effettuare un test di verifica, è corretto digitare: parola chiave site:http//tuosito.it ????
se appare il titolo del post,vuol dire che siamo stati indicizzati???

Alexxandro ha detto...

Comunque vedi ti ho mandato anche un'email.
I templates di blogger sono male strutturati,e fanno apparire nel motore di ricerca solo la pagina principale e non il post.
un grosso problema

Super ha detto...

Ciao Orazio,

Sono un paio di mesi che ho lanciato il mio blog http://comunicazionesuperefficace.blogspot.com/
ma sono del tutto ignorato da google. Ho cercato di applicare al meglio i consigli di questo post come di altri tuoi post ma ancora niente...

Barfly ha detto...

Hai proprio ragione Orazio, la prima cosa che ho pensato riguardo alla poca diffusione del mio blog, è stata la censura :-)
Grazie dei consigli, ora sono piu' tranquillo e fiducioso, poi sono poche settimane che sono online:
http://scrivionline.blogspot.com/


Prima di lasciare un commento, leggete qui

Posta un commento