Riflessioni da successo di un blogger


image No tranquilli, non è un altro post in cui mi lamento delle troppe mail ricevute. Né ho un malessere realmente fisico. Questo post vuole essere una condivisione della mia esperienza per offrirvi qualche spunto di riflessione e per intavolare uno scambio di idee costruttivo per entrambi le parti.

Un anno fa questo blog aveva meno di 200 lettori, adesso ci sono oltre 1500 lettori in più. In tutto 1730 nel momento in cui scrivo. Immensamente gratificante! Ma a meno che non soffriate di manie di grandezza e/o vi crediate Elvis redivivo, potete ben immaginare come l’idea di essere letto da un numero di persone così vasto non possa lasciare indifferente nessuno.

Onnipotente o sottopressione?

Immaginate quotidianamente centinaia di persone che ascoltino quello che dite, tra l’altro pure con un certo interesse. O cominciate a sentirvi onnipotenti, trasformandovi in uno di quei tizi che fanno corsi di autostima o cose del genere, o cominciate a riflettere un attimino di più su quello che dite.

Ecco, io sono nella seconda fase. Per la prima aspetto i 10.000 lettori, poi comincerò a usare il plurale maiestatis come il mago Otelma. “Ecco una novità che Noi abbiamo deciso di dividere con voi gente comune”. Ok, mi ci devo applicare, ma per quando sarò arrivato ai 10.000 lettori sarò migliorato. Nel frattempo resto quello che sente la pressione di centinaia di lettori.

I primi tempi

Quando ho cominciato a scrivere questo blog, visto che praticamente lo leggevo solo io e sporadicamente mia moglie (giusto per farmi contento… ancora oggi è così), avevo la grande libertà di poter scrivere qualsiasi cosa. Se non altro, mentalmente ne avevo la libertà. Se siete soli in mezzo al nulla, tipo in mezzo al deserto, potete dire qualsiasi cosa che tanto nessuno la sente. A cominciare dall’urlare che biiiip ci fate in mezzo al deserto. Poi magari ci state attenti lo stesso, a quello che dite: non è facile liberarci delle nostre maschere.

Ora

Ora è diverso, in quel deserto si sono radunate intorno centinaia di persone e stanno tutte strette intorno a voi a sentire quel che dite. A parte chiedere se qualcuno è stato così furbo da portare una bottiglia d’acqua, non vi riuscirà di dire molto altro.

E’ questo è diventato adesso per me: mi è capitato ultimamente di vivere l’”ansia da prestazione”. A volte raccolgo materiale, cose che reputo interessanti, per poterci poi pubblicare dei post. Poi però ci ripenso, comincio a scartarne alcune, altre le rimando. E va a finire che paradossalmente ci sono sere che non so cosa scrivere. O magari mi chiedo se avendo rinunciato col tempo a certi post “più leggeri” che trovavano più spazio all’inizio, non ho snaturato il blog.

Sicuramente tutti quelli che hanno cominciato ad avere un certo numero di lettori capiscono benissimo cosa voglio dire, e gli altri possono benissimo immaginarlo.

Ed ecco come reagisco

Alla fine sono giunto a una conclusione. Se sono arrivati questi lettori e hanno deciso di seguirmi, ci sarà un motivo. E il motivo è proprio quello che ho scritto, e che potrei scrivere, aldilà di come io giudichi le idee che possono farsi. Mi sono sempre divertito a scrivere su questo blog, e questo è piaciuto… perché le cose dovrebbero cambiare? E anche i cambiamenti nei contenuti che ci possono essere stati, se i lettori sono aumentati invece di diminuire vuol dire che non sono stati sbagliati.

Non posso pretendere di affascinare tutti o essere utile a tutti, ho perso lettori col tempo, ma altri li hanno sostituiti e superati in numero. Tutto sommato quindi si può dire che sto facendo un buon lavoro. Ed è inutile preoccuparsi di fare male, perché si perde tempo in ansie inutili piuttosto che godersi le cose che si hanno.

A chi sta leggendo quest’articolo, e magari ha le stesse perplessità, lancio quest’invito: perché sprechi il tuo tempo in domande? Hai sempre fatto bene finora, continua a fare come hai sempre fatto! E non stare troppo lì a pensare qual è la carta più giusta da giocare, perché forse è questo che poi snatura il tuo lavoro e gli fa perdere valore.

L’unico controllo che abbiamo è nelle nostre scelte, non in quelle degli altri, quindi inutile ammalarcisi sopra, pensiamo piuttosto a continuare a fare le cose che ci piacciono nel modo che ci è sempre piaciuto farle.

Ho già vissuto con questo blog, con le centinaia di persone che ho conosciuto, con quelle con cui ho mangiato la pizza qualche mese fa e con quelle con cui mangerò la pizza l’anno prossimo, e le migliaia di mondi che ho intravisto, un’esperienza davvero unica. E voglio continuare a godermela senza stress!

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Per ricevere direttamente in posta i nuovi articoli, inserisci il tuo indirizzo email:
oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

41 commenti:

giovanna ha detto...

che bel post, Orazio.
Lo hai detto alla fine: "continuare a fare le cose che ci piacciono nel modo che ci è sempre piaciuto farle."
E' così. Eppoi, evidentemente sono queste che hanno interessato i tuoi lettori. Aggiungerei all'interesse anche il modo di "porsi", dunque la *persona* che sta dietro le cose interessanti.
Il mio caso invece, è un po' particolare: ho un blog didattico, dedicato, destinato ai miei alunni in primo luogo (giusto come strumento didattico). Certamente mi fa piacere SE in qualche modo siamo utili, condividendo le nostre esperienze. Ma tutto si ferma qui.
un saluto caro
g

novalis ha detto...

Beh! che dire, hai espresso molto semplicemente quello che ognuno di noi dovrebbe fare nel "mondo blog", ognuno con le proprie differenze ma tutti con lo stesso scopo "continuare a fare le cose che ci piacciono nel modo che ci è sempre piaciuto farle." Potrebbe diventare questo il nuovo motto dei blogger, e sarebbe positivo per tutti.
Ciao

Lorenzo ha detto...

Sì davvero un bel post, emozionante! :) Davvero una bella riflessione: e le risposte ai tuoi dubbi le hai dette tutte te. Continua a divertirti, come hai sempre fatto, che poi quella è la cosa che conta di più. Se ti diverti, il resto che conta? :) Guarda Valentino Rossi: lui si diverte e continua a vincere! Ma si diverte, si diverte davvero come quando era bambino! E per questo vince... ma la cosa che ha davvero importanza è che si diverte proprio e sfrutta al 100% la sua passione per le moto.

Davvero tanti tanti complimenti per i traguardi forse inaspettati che hai raggiunto e un grosso in bocca al lupo per il proseguo. :)

E soprattutto ancora 100.000 utenti di buon divertimento e di passione per te! :))

AUTOdiMERDA ha detto...

ok...
ma parliamo di cose serie: la figa arriva?
uhauhauHUAHUAA mi scusi consorte di tene, la simpatica "tena lady"

Scherzo :X

6nervoso ha detto...

Questo è un post così "personale" che all'interno di un blog come il tuo ci dovrebbe "incastrare" poco... Ma già da questi primi commenti hai ricevuto rinnovato assenso e stima.Ciò conferma la validità delle risposte che le domande che ti sei "posto" ti hanno "imposto" di cercare. Credo che il tuo obbiettivo fosse aiutare gli aspiranti blogger e ci stai riuscendo alla grande,ma credo che tanti di quelli che ti seguono,continuino a farlo perchè a scrivere è una persona che si è fatta apprezzare indipendentemente dagli argomenti pubblicati.
Continua così!!!

mary47 ha detto...

Orazio, continua così, noi saremo qui ad aspettare i tuoi post con tanto interesse e sopratutto .......sempre utili.
Buona giornata ;)

i roberti ha detto...

ma certo tenebrae..ti capisco benissimo..scrollati di dosso l'ansia da prestazione e continua così..tanto quando si diventa famosi qualsiasi cosa si dica vale sempre tanto!!
ti chiederò l'amicizia su FB..
roberta castiglione
complimenti come sempre per questo utilissimo e umanissimo blog!!

SUNFLOWERS8 ha detto...

Ciao Tenebrae per me stai facendo un ottimo lavoro, capisco l'ansia da prestazione ma non preoccuparti più del dovuto se chi è arrivato fin qui a leggere questo post è perchè consigli o no su come migliorare il proprio blog ecc... apprezza anche l'uomo che è aldilà dello schermo! Almeno, per me è così, trovo che sei umanamente fantastico, prima che tua moglie e mio marito ci stacchino i collegamenti del pc :)). Buona giornata

Beta ha detto...

Ciao, io ti seguo da poco (e ti ho linkato sul mio blog per non perdermi neanche un post!) ma trovo che i tuoi articoli e i suggerimenti che dai siano sempre utili e ben strutturati. Perciò continua così e se un giorno parlerai al plurare maiestatis... sapremo che sei nella fase "Delirio di Onnipotenza" e faremo in modo di riportarti con il c... per terra ;) :D Buona giornata

Vale ha detto...

Io ti seguo perchè scrivi sempre cose interessanti, è banale, lo so, ma non cambiare, continua a scrivere come hai sempre fatto e non guardare troppo i numeri di chi ti segue, uno o mille che differenza fa! Ciao e grazie!

anna the nice ha detto...

'Se sono arrivati questi lettori e hanno deciso di seguirmi, ci sarà un motivo'... Il motivo è che sei bravo e che il piacere che provi nel curare questo blog traspare dal lavoro che ne deriva. Ai miei occhi mi sembra quasi che tu svolga una missione, dare agli altri un aiuto nei momenti di panico che inevitalmente ci assalgono quando anche noi curiamo i nostri blog. Io ammiro e apprezzo molto questo blog ed è diventato un punto di riferimento importante. A volte avrei voluto scriverti per chiederti dei consigli, ma poi ho detto...magari ne ha già parlato e di tanto in tanto spulcio tra i post precedenti, come se fosse un libro da leggere e trovo più o meno quello che mi serve. Quindi grazie per quello che fai.... a presto.
Anna
p.s. Se ti va passa dai miei blog, giusto per avere un parere di un esperto.
http://anna-thenice.blogspot.com
fttp://leparoledicarta.blogspot.com

Scarabocchio ha detto...

Un "outing" sincero che conferma quello che io già dalla prima volta ho pensato di te!
Per me potresti pubblicare anche un solo post al mese, sarebbe comunque uno sforzo gradito, del resto tutto quello che fai, in termini economici non ti viene ripagato da nessuno!
La tua è una "missione" altruista e coesiva e va bene così, in qualsiasi modo tu decida di gestirla!
E' comprensibile ciò che hai provato e fa piacere sapere che ne sei uscito fuori da solo, con la tua testolina super intelligente!
Ora, però, ti tocca preparare 1730 cesti di Natale, uno per un lettore affezionato: come minimooooooo!!! :D

"Un tocco di Rosa" ha detto...

Non trovo il mio link nella tua lista link... x( va bene Orazio mi sei lo stesso simpatico ;)) pensa a scriverci come fi nora le cose da te trovate giuste che saranno giuste anche per noi, tutto il resto é.....noia b-( o scivoloso =))
Un salutone a tutti
Rosa

Raffaele Ciruolo ha detto...

Ciao Orazio, concordo con questo tuo pensiero:

"Perché sprechi il tuo tempo in domande? Hai sempre fatto bene finora, continua a fare come hai sempre fatto! E non stare troppo lì a pensare qual è la carta più giusta da giocare, perché forse è questo che poi snatura il tuo lavoro e gli fa perdere valore.

L’unico controllo che abbiamo è nelle nostre scelte, non in quelle degli altri, quindi inutile ammalarcisi sopra, pensiamo piuttosto a continuare a fare le cose che ci piacciono nel modo che ci è sempre piaciuto farle."

P.S. Nemmeno io trovo il mio blog nell'elenco dei blog che ti linkano :-(

Grezzo ha detto...

Leggendo un blog tecnico certo non ti aspetti che il suo autore, che magari ti immagini freddo e glaciale alla tastiera sia anche un pò filosofo. Ma a parte gli scherzi, magari non ti serve a nulla il mio parere, ma credo che il materiale che pubblichi sia di grandissima utilità, certo magari a volte meno, a volte di più, ma è solo soggettivo. Io per esempio ho aperto un blog per il quale ero già sicuro che avrei avuto un certo numero di lettori fissi, ma con il limite di non poter espandere il loro numero, in quanto si tratta di argomento locale di nicchia, ma raggiungere un tale numero di lettori in un campo come il tuo, che ha una concorrenza agguerrita, è davvero encomiabile. Non so se riuscirai mai a raggiungere il numero di visitatori di Paolo Attivissimo, ma sei comunque sulla buona strada.

E tra l'altro, ti devo ringraziare a titolo personale perchè grazie ai tuoi articoli ho modificato il template del mio blog arrivando anche a fare modifiche da te non segnalate semplicemente perchè grazie ai tuoi consigli credo che molti abbiano capito la logica della modifica html. E ho ricevuto i complimenti dei miei lettori grazie a te.

Mio Capitano ha detto...

Leggo il tuo blog. Sinceramente non rimango senza fiato come davanti a Tolstoj quando leggo qualche tuo post. Scrivi dei consigli interessanti, e lo fai con chiarezza. Qualche volta ciò che scrivi non mi interessa, capita.
L'ansia da prestazione mi sembra un falso problema. A meno che il tuo blog non ti dia da vivere, come pure potrebbe essere.
Il complesso del piccolo dio prima o poi viene a tutti noi che siamo sul blog. In un mio post io l'ho chiamata la sindrome di Lady Chatterley (e del dottor Zivago). Dovrei linkarti il mio post per essere più chiaro, ma mi pare fuori luogo.
Io posso dire questo: sono sul blog da quasi quattro anni ormai. A volte mi hanno detto che sono bravissimo, eccezionale, simpaticissimo eccetera eccetera (prima o poi lo dicono a tutti). Le prime volte erano apprezzamenti che mi facevano andare via di testa; poi capisci che chi ti fa questi complimenti è affetto da una delle tante sindromi che girano per il blog (bisognerà trovare un nome pure a questa).
In chiusura: con il blog non ci mai ho guadagnato un centesimo, nessuno mi ha mai offerto un lavoro a causa di quello che scrivo, che pure è stato apprezzato più da una persona. Di conseguenza, dato che il blog per me continua a essere ciò che è sempre stato, un piacere senza vantaggi economici o lavorativi, continuo a scrivere quello che mi pare e piace senza ansie di prestazioni. Spero che accada pure a te la stessa cosa. Ciao, mi sembri una persona seria dalla foto.

ZuccheroFilato ha detto...

Ciao,
bellissimo post!
Capisco il tuo stato d'animo ( anche se io non ho nenache lontanamente questo problema...sono ancora sola nel deserto.. :) )Il tuo blog diventato un punto di riferimento per me e ti prego rimani cosi come sei, non cambiare, non farti prendere dall'ansia , ci piaci cosi ,sei bravo quindi..
....posso chiamarti mestro ?? :D
Ciao!! Buon weekend a te e alla tua famiglia!

lilla ha detto...

Ciao! Non farti prendere dall'ansia perchè è controproducente...Per quanto mi riguarda io, col pc ci stampavo solo i bigliettini per le mamme dei bimbi dell'asilo (dopo averlo solamente spolverato per tanto tempo...), quando ero rappresentante di classe. Ora, dopo aver tirato su il mio Blog, mio marito si è strameravigliato di quello che ho fatto facendomi i complimenti...E questi complimenti non posso che girarli anche a te che mi hai dato una mano enorme con i tuoi consigli!!!! Sei proprio indispensabile! Saluti. lilla

Giuliana ha detto...

Ciao, non ti creare preoccupazioni inutili. Tu fai quello che ti piace fare e come ti piace fare, poi vedendo quanti sostenitori hai e augurandoti di averne sempre di più, certe preoccupazioni sono inutili.
Questo post mi è piaciuto, perchè ogni tanto è bello leggere qualcosa di "personale" e non soltanto di "tecnico".
Sei davvero bravo e di grande aiuto.
Compliementi e continua così.
Giuliana.

roro ha detto...

Ti conosco da poco, ma avendo sbirciato in lungo ed in largo il tuo preziosissimo blog ( per me molto istruttivo), è tale la passione che si sprigiona da ogni tuo singolo post. Perchè quando si parla di passione, si parla di piacere, di voglia di comunicare. Sono felice di averti trovato.
Ros

bipbip ha detto...

Ciao, anche a me piace moltissimo questo post...e ti capisco.. anche se io non ho così tanti lettori, qualche volta mi viene l'ansia da prestazione...ne approfitto per ringraziarti di tutti gli utili consigli che ci dai! Grazie a questi ho migliorato il mio blog (aiutata da mio figlio, vado ancora nel panico con l'htlm...), continua così!!!

VerdeSalvia dalle colline di Firenze ha detto...

Uno dei motivi per cui io, la peggio capra in informatica della bloggosfera, seguo il tuo blog è perchè sei riuscito a dare ad un argomento assolutamente arido come (per esempio) le modifiche di un HTLM, una connotazione personale, non arida, non esclusivamente tecnichese. Ci metti del tuo, parli della tua famiglia, di tua moglie, delle tue passioni. Così, un accenno ogni tanto. Quel quid che basta a dare un'anima e non troppo da fargli perdere il preciso orientamento tecnico.
Mi piace leggerti. Le volte che l'argomento non mi interessa o non capisco neanche di cosa stai parlando, passo oltre. Ogni volta che cerco di fare una miglioria al mio blog, lo vengo a cercare qui. Continua a divertirti, se puoi. Quando non sarà più così sarà il momento di fare dei cambiamenti! Grazie,
Dani

Annelise ha detto...

ciao Tene...continua ad utilizzare il tuo blog come picolo diario, piccolo strumento di condivisione di passioni...non come "strumento lavorativo" e vedrai...che sarai sempre stimolato come prima a condividere! Non ci si aspetta di trovare il "quesito della Susy" o "come scomporre l'atomo" qui da te, ma piccoli trucchetti e aiuti per rendere il diario virtuale di ognuno + fruible e bello...quindi se ti va di postare su....animazioni natalizie...o qualcos'altro fallo pure...sei tu che devi essere libero...non devi stupire con "come spegnere i computer della nasa" Tranquillo...
un bacio
Annalisa

Marco ha detto...

:(( Mi hai commosso!!!! :((

the Tramp ha detto...

Ten, credo che attestati di stima per te e per il tuo lavoro non mancheranno mai. Continua come hai sempre fatto e, quando capita di avere poche idee, ricordati che il blog deve essere una passione, non una schiavitù.Un abbraccio a te e consorte.

Devilnax ha detto...

Veramente un bel post complimenti.. se siete interessati ad un pò di grafica visitate il mio blog! :)

cavoliamerenda ha detto...

questo post mi è piaciuto molto e non credo di essere la sola, rilassati, non è un caso se ci siamo! Ti seguiamo perché quello che dici ci piace e lo leggiamo volentieri e se è così oggi sarà così domani perché domani sarai la stessa persona, con lo stesso gusto per la parola misurata, la stessa sobrietà, la stessa simpatia, la stessa scelta critica dei contenuti, a volte più user-friendly altre più complicati ma mai banali...
...insomma te l'ho messa un po' d'ansia in più? =D
buon proseguimento allora e complimenti per il tuo successo!

PS
se passi da me e mi lasci un saluto e un commento su come sto mettendo in pratica i tuoi utili consigli fai contente due persone: una sono io che ti stimo e ti seguo con interesse, l'altra sei tu che vedi in quanti siamo a crescere e a migliorarci grazie al tuo lavoro!

grifone72 ha detto...

Bel post Orazio! Molto intimistico e ricco di sensazioni personali. Io credo che, come in qualche modo hai detto tu, per prima cosa dobbiamo cercare di piacere a noi stessi divertendoci. Poi nel tuo caso hai avuto la capacità di proporre sempre argomenti di qualità, che ti hanno "regalato" gli odierni 1700 seguaci che ti seguono proprio perchè apprezzano ciò che scrivi. Io ad esempio sono "inciampato" nel tuo blog perchè cercavo degli spunti per il mio modestissimo spazietto, ora sei nei mie preferiti perchè quì trovo tante cosette carine, spiegate in maniera semplice ed "umana", condite da tanta disponibilità da parte tua. Continua così! ;) Io per il momento non ho le tue ansie e non so se mai le avrò essendo nell'era semidesertica... :)) Complimenti per il tuo lavoro e per il meritato riscontro!

roberto ha detto...

Ciao Orazio, piacere di conoscerti sono un della maggioranza silenziosa che ha sentito il tuo "grido nel deserto" e ora ti segue con piacere. Il tuo post mi è piaciuto molto e conferma la prima impressione cho ho avuto leggendoti, mi piace e mi interessa quello che scrivi e come lo scrivi e tuoi consigli spesso mi hanno aiutato a risolvere i pasticci informatici..continua così Noi plurale majestatis, ( bisogna allenarsi :) ) ti seguiremo fino e oltre i 10.000 ;;) Roberto

caty ha detto...

Ciao tenebrae, se posso darti un consiglio ,cerca di non cambiare criterio di scelta dei post da pubblicare.
Non rifletterci più di prima solo per paura di deludere i lettori.

Pensa che se questi hanno scelto di seguirti è anche per l'entusiasmo che metti in questo blog, e se questo viene meno...Cosa succede?

Continua così perchè sei forte!

the t time ha detto...

un saluto da una recente, ma ormai assidua, lettrice. parole sante le tue. che poi, il divertimento in quello che si fa, qualunque cosa sia, è percepito sempre ed è contagioso. buon divertimento dunque, buona continuazione.

Benzene ha detto...

Ciao. Devo dire che il mio blog, sebbene abbia sulle 200 visite giornaliere è ancora un infinito deserto (a parte i commenti di un affezionato!) ma di quelli che non finiscono mai... (un po' deludente, anche per tutta l'anima e la passione che metto nel tenerlo aggiornato).
Ti seguo sempre con passione, imparando un'infinità di cose! Grazie!

lella ha detto...

Devi essere orgoglioso di tutto quello che sei riuscito a costruire grazie al tuo impegno ed alla tua capacità.
Pensa che sei riuscito a condividere con tanta gente le tue conoscenze e già questo deve farti onore.
Se non ci fossero persone come te noi non esisteremmo neanche :(
Devi prendere il blog come un passatempo utile a te stesso ed in secondo luogo anche per gli altri,ma non deve essere mai un impegno.
Continua così e fai sempre e soltanto ciò che fa piacere a te.D'altra parte i risultati parlano da soli ;)
Cmq devo dirti che quando posti riflessioni o qualcosa di personale è ancora più piacevole leggerti,perchè vai al di fuori dei soliti schemi e scopri te stesso;in fondo i blog servono anche per conoscersi,per instaurare una relazione amichevole,no?
un bacione a te e mafalda e buon w.e. :X
Lella

Marina ha detto...

Bel post, che risponde anche ai miei dubbi.
Non ho tanti lettori come te, e il mio blog è più di nicchia, parla infatti dei lavori che faccio e di quello che mi piace sperimentare, dai racconti al merletto a mano (mestiere ahimè assolutamente dimenticato e incomprensibile ai più).
Ultimamente i contatti al mio blog sono aumentati, e da 90 al giorno circa sono diventati 160, anche se l'ho aggiornato poco.
E mi sto domandando cosa postare nel futuro, nel mio caso una cosa da fare potrebbe essere mettere spiegazioni di lavori a maglia ed uncinetto, perché so che ci sono donne che sono interessate, le stesse, forse, che comprano le riviste inerenti a questo argomento.
Ho deciso che prenderò spunto dal tuo post e farò quello che mi piace, senza farmi tante domande, come suggerisci tu.
penso sia la cosa più saggia.

Tenebrae ha detto...

grazie ragazzi, post come questo sono sempre interessanti perchè mi permettono di conoscere anche il vostro punto di vista delle cose.

tranquilli, non sono eccessivamente sotto troppo stress, semplicemente sono piccole tensioni che nascono spontanee

vedo però che a qualcuno è piaciuto il mio modo di affrontare la cosa, mi fa piacere se ho dato una motivazione in più a chi si trova ad affrontare gli stessi dubbi

Aripug ha detto...

Non sò a che numero sei arrivato ora....ma puoi segnare uno in più, perchè mi sono appena 'iscritto' al tuo blog, io sono nuovo, ne ho appena creato uno....e le info che sono disponbili qui sul tuo sito sono di molto aiuto!
Sei un grande, continua cosi
Ti ringrazio molto
Ciao!
Aripug

cwtrading.blogspot.com ha detto...

Ho provato a mettermi nei tuoi panni e sai cosa penso ? Che come ogni business che si rispetti con l'aumentare delle dimensioni e del successo deve avvalersi di collaboratori, per cui credo che non faresti male a delegare qualche piccolo compito ad altri sotto la tua stretta sorveglianza :-)

Grande e in bocca al lupo!

Il veterinario ha detto...

continua così!
i lettori non possono che aumentare sei una delle pochi voci chiare ed affidabili, un grande buon proseguimento...

Tenebrae ha detto...

grazie dei consigli a tutti. si, decisamente la cosa migliore è scrivere senza pensarci troppo, e amen

un minimo di pianificazione dei post si, ma senza cercare di entrare nella mente di chi ci legge

l'idea dei collaboratori non mi dispiacerebbe, soprattutto per altre idee che ho in mente, ma non mi piace l'idea di coinvolgere altre persone in un lavoro che obiettivamente ripaga poco dal punto di vista monetario

forse in futuro, chissà :)

Vinnie ha detto...

Il tuo successo è tutto meritato (basta guardare i lettori)..e povera la tua casella di posta elettronica!

Diciamo che sei una sorta di 118 per i Blogger

"la cosa migliore è scrivere senza pensarci troppo, e amen" Niente di più gisuto, altrimenti si rischia di entrare dentro a un tunnel e di ottenere solamente l' effetto contrario.

Emiliano Brinci Designer ha detto...

....Quanto ti capisco......ti sono vicino...e ti stimo!!!!

;;)


Prima di lasciare un commento, leggete qui

Posta un commento