Estensioni per Chrome: Personal block list


Una cosa che mi da davvero fastidio quando faccio delle ricerche su Google per avere informazioni su un prodotto, è vedermi restituire nelle prime due/tre pagine tutti quei siti che confrontano i prezzi dei negozi online per offrirci quelli più convenienti. Quasi sempre poco chiari graficamente, spesso non offrono informazioni di alcun valore. All'inizio erano un paio e andava bene, ma adesso sembrano spuntare come funghi.

Se anche voi odiate questo genere di siti generati automaticamente senza la minima traccia di attività umana (o aliena, perchè no?) dentro, sappiate che adesso ce ne possiamo liberare (di questi e di tutti quelli che vogliamo) grazie a un’estensione per Chrome rilasciata qualche giorno fa da Google che permette di escludere interi domini dai risultati delle ricerche.

C'è bisogno di dire che l'ho installata subito e ho cominciato a fare strage?

Personal Block List

Personal Block List

L’estensione si chiama Personal Block List e può essere installata in un attimo andando su questa pagina e cliccando sul pulsante “Install” mentre si utilizza Chrome. Una volta installata, nei risultati delle ricerche un apposito link ci permetterà di far scomparire per sempre l’intero dominio dai risultati delle ricerche:

Personal Block List

In futuro, qualsiasi ricerca facciamo il dominio che abbiamo escluso non apparirà più. Se si vuole sbloccarlo successivamente, basta cliccare sull’icona in alto a destra presente su Chrome:

Personal Block List

e cliccare sul corrispondente link “Sblocca”:

Personal Block List

Cliccando su “Modifica”, invece, è possibile scegliere un sottodominio del sito.

Google raccoglie le nostre preferenze e si migliora (speriamo)

Ogni volta che blocchiamo o sblocchiamo un sito, le nostre azioni vengono comunicate in forma anonima a Google (non c’è modo di impedirlo), per essere successivamente analizzate e magari utilizzate per migliorare l’algoritmo di ricerca. Questa feature è interessante, perchè potrebbe fornire agli utenti la possibilità di segnalare siti spazzatura che finalmente potrebbero essere considerati tali anche dal motore di Google, che all’atto pratico non è poi tanto infallibile.

Stando alle dichiarazioni ufficiali, al momento le informazioni raccolte da Personal Block List (che sembra siano già state tante) non sono state utilizzate nell’ultimo aggiornamento dell’algoritmo di Google, ma sembra che i dati raccolti siano stati confrontati e sembrano confermare le scelte fatte.

Per installare l’estensione: Personal Block List.

Condividi su Facebook, Twitter o Google Buzz:
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Pubblica su Google Buzz

Per ricevere direttamente in posta i nuovi articoli, inserisci il tuo indirizzo email:
oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog!
Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

10 commenti:

Boby ha detto...

mitico!!! lo aggiungo subito :D

Mario Circello ha detto...

Ciao Tenebroso maestro e ottenebrati "colleghi"...

interessante questa estensione, come fra l'altro questo post, breve e conciso (giusto per tornare alla discussione "Qual'è la lunghezza ideale di un post?").

L'unico guaio, è che una volta arrivato alla pagina delle estensioni, mi ci sono perso per un'ora e ne ho installate una cifra...

openfrogx ha detto...

Ciao è tanto che ti seguo ma questa è la prima volta che commento e comunque volevo ringraziarti per il tuo meraviglioso sito :)
Passando all'articolo, l'estensione è davvero interessante, sicuramente una manna dal cielo. L'unico dubbio che ho è che quando clicco su "Installa" mi dice che l'estensione può accedere ai miei dati dati su www.google.com e encrypted.google.com oltre che alla mia cronologia di navigazione. Allora mi chiedo: ma se le statistiche vengono fornite in forma anonima, a che serve accedere ai miei dati su encrypted.google.com? Forse "la forma" non è poi così anonima...

Brennox ha detto...

Grazie Orazio, finalmente Google ci da un filo di voce.
Credo che sarà una delle mie estensioni favorite....giusto perchè quando cerco rinforzanti per capelli , non sono interessato a Viagra e simili...in fondo, per quanto le dimensioni non contano, non mi pare dignitoso assimilarlo ad un capello...hehehe

@openfrogx:
Qual'è il problema? Nel momento in cui decidi di usare la rete, sei consapevole di rinunciare definitivamente alla privacy, checchè se ne dica....

openfrogx ha detto...

@Brennox:

Hai ragione su quel che affermi la mia era solo una semplice curiosità: se i dati vengono utilizzati in forma anonima a che serve accedere a tutte quelle informazioni personali? Solo una curiosità, alla fine Google ha già tutti i nostri dati...

Emanuele Secco ha detto...

Sembra davvero interessante :-)

E.

Lulaj2190 ha detto...

Ottimo post :) qulcosa di simile per Firefox?

Tenebrae ha detto...

@openfrogx: vengono inviate in forma anonima nel senso che non ci sono i dati del tuo account. non so se funziona anche sulla versione criptata, il che spiegherebbe l'avviso.... quanto alla cronologia di navigazione, strano! bisogna capire cosa si intende, comunque google registra già la tua cronologia di navigazione, a meno che tu non abbia i cookie disabilitati e non usi il loro motore di ricerca.

@brennox: purtroppo quello che scrivi è più vero di quanto si pensi...

@lulaj2190: se non ricordo male, optimizegoogle fa una cosa simile, ma non fa la raccolta dati

rossa ha detto...

come la cercavo, una cosa del genere!!! grazie!

Chi Siamo e come nasce il Nostro Blog! ha detto...

ciao ho inserito il tuo link nel mio blog..se vuoi passa a vedere...http://viaggidimondo.blogspot.com/


Prima di lasciare un commento, leggete qui

Posta un commento